Guida alladulazione a scopo di lucro

Guida all’adulazione a scopo di lucro

tumblr_lwdadu98YE1r4d8ljo1_500

Non vorrei rimandare oltre la disquisizione di un tema fondamentale per la nostra sopravvivenza in questo mondo di ladri, in questo mondo di eroi; se non avete di meglio da fare, e dubito fortemente che sia così, potete proseguire la lettura di un affascinante post che tratterà di subdoli meccanismi di manipolazione delle menti altrui  ovvero di come chiedere qualcosa a qualcuno senza troppi sforzi ottenendo:

– favori in generale (mi prendi quel bicchiere d’acqua là sul tavolo in cucina proprio ora che ci siamo appena seduti sul divano e tu hai già la coperta sulle ginocchia però a me è venuta sete?)
– aiuto/supporto/delega totale per attività che non hai voglia di fare (hai presente quel database in cui devo riportare tutti i dati dell’Universo dopo il Big Bang quando invece  preferirei attraversare le Niagara Falls bendata in deltaplano? Lo faresti tu al mio posto? Sì?)
– appoggio psicologico/politico/diplomatico in una determinata situazione (sicché ho appena subito un’eclatante ingiustizia ho fatto ‘na mazzata che ne dici di fare comunella con me e sostenere la mia intaccabile moralità? Sono o non sono una persona fantastica?)

Il punto insomma è che quando vogliamo che qualcuno faccia qualcosa per noi, o meglio, al posto nostro, la prima cosa su cui ci concentriamo è trovare un modo efficace di ribaltare la situazione a nostro vantaggio nel minor tempo possibile, facendo in modo che il soggetto palesemente infinocchiato non si ritenga tale. In fondo William Golding ci aveva avvertito che l’umanità è fatta di brava  gente.

In tutti questi casi è  la nostra memoria preistorica a suggerirci la soluzione, un po’ come la voce di Voldemort nella testa di Harry Potter, sibilando la magica parolina in grado di smuovere mari e monti senza far rumore: l’adulazione.

Il meccanismo dell’adulazione  attraversa diversità di generi, caratteri, età, basandosi su poche semplici strategie da seguire che, per i più ingenui, riporterò qui sotto in un simpatico siparietto di tips and tricks per adulare il vostro prossimo ma pur sempre con una certa eleganza di modi.

TIPS and TRICKS per ADULARE LA GENTE CHE TI CIRCONDA ALLA BISOGNA

Adulazione femminile

Per ingraziarsi i favori di una donna esistono due strategie consolidate nel tempo e nello spazio che consistono nel:

  • dare nota di subitanei miglioramenti estetici che aumentano la ficaggine della donna a livelli di guardia; si va dai grandi classici : “sei dimagrita”/”hai fatto qualcosa ai capelli”/”il verde ti dona un casino, sembri più giovane”,  ai virtuosismi romantici : “cosa posso fare per quegli occhi tristi?”/”sei più bella quando ridi“/”mi piace farti sorridere“.
  • esternare la propria sensibilità/fragilità emotiva per apparire come un piccolo cucciolo di macaco abbandonato dalla madre alla fiera dei leoni digiuni; in questo senso si vanno a collocare le tipiche esclamazioni della serie:  “con te posso parlare”/”tu capisci sempre perfettamente cosa intendo”/”sei un’amica vera”/”solo con te posso essere me stesso-a”.
adulazione-geisha

Che me stai a cojonà?

Adulazione maschile

L’adulazione dell’uomo invece presenta un unico livello che funziona sempre e comunque basato sul teorema del cojonamento del maschio alfa secondo il quale affinché l’uomo compia un’azione, anche la più banale, è necessario e sufficiente dimostrare un’incapacità apparente nello svolgere quel compito domandandogli di intervenire in virtù delle sue straordinarie abilità da super eroe.

Da lì è tutto in discesa: “metti tu l’acqua nella pentola a bollire? io non sono capace”, “come cucini tu questi gnocchi al gorgonzola, sei incredibile!”, “lo faccio fare a te perché sei più intelligente”.

adulazione-superman

Ghe pensi mi

Oh cielo e ora? Ora che abbiamo la certezza che il 98% delle nostre relazioni umane sono viziate da meccanismi adulatori? Niente paura, l’umano stare insieme sarà sempre ricco di sotterfugi e meschinità, l’importante è non abusarne e ricordarsi di essere sinceri di tanto in tanto. Tipo che se non mi va di fare una cosa te la dico e basta e se ho bisogno di una mano la chiedo senza doverti prima lucidare il didietro l’ego con falsi complimenti.

I miei migliori auguri per una felice settimana ventura, ricca di relazioni quasi spontanee e solo vagamente adulatorie.

No Comments

Leave a Comment