Tag Archives : diario

Centoquattordici: un matrimonio e una ristrutturazione posson bastare.

Centoquattordici: un matrimonio e una ristrutturazione posson bastare.


Ho scritto e cancellato almeno centoquattordici post negli ultimi quattro mesi. La verità è che sono successi quel paio di episodi tipo un matrimonio e una ristrutturazione edile che hanno pesantemente colonizzato il mio tempo libero. Vediamo nel dettaglio. Il Matriagio Il matrimonio è stato bellissimo e pieno di luce nelle persone e nelle cose. Io e il Baffo ci siamo divertiti, commossi…

Read More »
Avere la febbre

Avere la febbre


Avere la febbre è una cosa che capita, a volte. Se siete me ed è Febbraio 2015 può anche succedervi di prendere l’influenza due volte in tre settimane e trascorrere un cospicuo numero di ore accasciati sul letto/divano in preda a temperature laviche, inappetenza, sordità, impossibilità di distinguere i sapori, impossibilità di sostenere conversazioni che durino più di dieci secondi,…

Read More »
La malattia che si chiama batticuore.

La malattia che si chiama batticuore.


C’è quell’espressione bella, un po’ demodè, per indicare lo stato di stress psicofisico in cui è in grado di indurci una persona che ci piace. Si chiama batticuore e ben rende l’idea di quell’impressione d’improvviso aumento dei battiti del cuore, accompagnato da tuffi allo stomaco, bocca asciutta, tremore alle mani, vista annebbiata, afasia che ci fa sembrare improvvisamente dei cretini fatti…

Read More »
Gennaio: the minicicciolis month

Gennaio: the miniciccioli’s month


A me questa primavera finta ha messo malinconia. Che poi non è la primavera, è proprio Gennaio in sé a mettermi malinconia. Gennaio è come una frittata alle cime di rapa: parti coi migliori ingredienti e le migliori intenzioni, sei pronto per il capolavoro, per il migliore mese della tua vita, ma poi basta un attimo di distrazione e la frittata…

Read More »
2015, chi ben comincia è a metà dellopera

2015, chi ben comincia è a metà dell’opera


E così è iniziato il 2015 e l’aspetto principale è che dopo tre anni sono riuscita a fare delle ferie natalizie senza un termometro infilato sotto l’ascella in botta da tachipirina. Quest’anno non ho fatto liste di buoni propositi perché in fondo mi sono resa conto che mi mettono solo un’ansia pazzesca e mi deprimono, e le possibilità che si…

Read More »